La storia delle tote bag

Molte di voi sanno che Angiolina & Audrey hanno solidificato la loro amicizia con blogs e creatività, con progetti e lunghe chiacchierate, con pomeriggi di racconti e uscite settimanali trasformate poi in appuntamenti con i post settimanali. E portano la loro lettrice in giro per il mondo. A volte a scoprire un nuovo designer, a volte una chicca di negozio in una città cosmopolita, a volte un museo, a volte vi portiamo con noi nel nostro viaggio visual .. e altre in viaggi più storici.Forse poche di voi sanno che Angiolina &Audrey si sono conosciute in rete, tramite una community di donne (With & Within) e che sempre virtualmente hanno cominciato lo small business di Angiolina & Audrey Tea Bag. Oggi Angiolina & Audrey vi portano in un viaggio meno geografico ma più storico. Oggi vi vogliamo raccontare un po’  la storia dietro le nostre Tea Bag da poco lanciate e cercare di collezionare un po’ di storia dietro le Tote Bag o Shopping bag. Allora dicevamo, la tote bag nasce con Angiolina & Audrey grazie alla loro Tea Bag. Va bene.. stavo scherzando.

Certamente negli ultimi anni le Tote bag sono diventate delle vere protagoniste nella vita di tutti i giorni ma soprattutto icone di moda. Le shopping bag, possono essere usate per diverse occasioni, dallo shopping al supermercato, la passeggiatas con le amiche, il giro al mercato rionale o una vacanzina briosa.

Tote significa letteralmente to carry, portare. Queste borse sono state realizzate nei secoli, hanno la caratteristica di essere sempre aperte dalla parte alta e hanno due lunghe maniglie, comode per essere portate sulla spalla. Non solo tessuto e cotoni, ma anche canvas, nylon, juta e ora sempre più materiali tecnologici come neoprene e ovviamente anche pelle e materiali più prestigiosi. Ma la vera tote bag nasce e rimane in tessuto.

È solo nel 1944 che le tote bag in canvas iniziano a diventare compagne delle donne, con l’arrivo della Boat Bag, una borsa realizzata in canvas pesante, utilizzata per la vita in barca. La sua praticità e robustezza le ha fatte diventare le borse che ogni donna voleva avere. Anche se negli anni 40 le shopping bag venivano usate anche dai ragazzi che facevano le consegne dei quotidiani porta a porta. Sicuramente la tote bag è una realtà americana. Nel 1950 la tote bag diventa una vera borsa, una ‘handbag’.

Dicevamo che le tote bag vengono usate specialmente dalle donne per mille occasioni: dalla spesa al super, alla spesa al mercato della frutta, ma anche per trasportare tutto quello che ci serve per un picnic alla giornata in spiaggia. Negli ultimi anni la tote bag o shopping bag (come preferite) è arrivata prepotentemente nel mondo della moda.. oramai tutti lanciano (o hanno lanciato) la loro shopping bag. Alcuni designer con scopi più benefici e altri con scopi più commerciali. Nomi famosi hanno aggiunto quel tocco di fashion alla tote bag.. facendola diventare veramente fashionable, però rischiando di perdere l’allure principale del ruolo della tote bag: cioè semplicità e praticità.

Thursday Friday, ne ha lanciate alcune con il print di iconiche borse come Chanel, Balenciaga e Miu Miu. Mentre Le Pandorine ne hanno prodotta una linea a sostegno di ‘Insieme per Haiti’ utilizzando e ispirandosi da un disegno di un bimbo di una scuola materna. Ma la vera regina delle tote bag è Anya Hindmarch, che è riuscita veramente a sensibilizzare moda e modaioli all’utilizzo della borsa di stoffa e dimenticare la borsa di plastica.

Esattamente che hanno pensato di rinforzare Angiolina & Audrey con il loro progetto Tea Bag. Una linea di borse in tessuti cotone e canvas inglesi handmade in Italia, con il tema ricorrente e tanto amato del tea time. Per vivere la vostra vita quotidiana piena di piccole cose e restare eco.

È importante ricordare inoltre che in molti Paesi Europei, fino a poco tempo fa le borse di plastica erano gratuite.. con le nuove e più recenti legislazioni.. nel 21esimo secolo i classici sacchetti di plastica sono stati felicemente sostituiti dalle shopping bag.  E il pubblico sensibilizzato all’utilizzo di borse riutilizzabili.. il più possibile.

Dall’altro lato, la situazione è un po’ triste se si pensa che i commercianti stanno rinnovando le loro shopping bag, trasformandole in vere pubblicità “con le gambe”… e le borse che lanciano sono sempre un inno al loro marchi, logo e alla vendita. Ognuno, dal piccolo negozio alla grande catena di negozi, cerca di produrre la borsa che può durare di più.

Forse sono diventata molto molto alla moda, forse troppo. Ma una bella e semplice tote bag in tessuto aiuta molto nella vita: salva alberi, risparmia gas e olio, aiuta con il problema dell’inquinamento e sicuramente aiuta oceani e animali marini.. nonchè intere famiglie… sepolte da sacchetti di plastica.. (molto spesso unwanted).

Le Tea Bag sono acquistabili su Etsy, W&W o contattando direttamente Angiolina & Audrey.

Si ringrazia Audrey per la ricerca iconografica.

Photo credits: Pinterest, Marni, Martha Stewart

Advertisements
This entry was published on 12/10/2012 at 7:37 am and is filed under Uncategorized. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: